Come incollare plastica e metallo? Istruzioni per professionisti

Scopri come incollare plastica e metallo grazie alle giuste colle e ai pretrattamenti più efficaci.

Per garantire rapidità di esecuzione e contenimento dei costi, l’incollaggio è sempre più spesso selezionato come alternativa ad altri metodi di fissaggio. Alcuni casi specifici richiedono però una serie di accorgimenti e possono porre il professionista davanti a delle sfide.

Tra questi è sicuramente opportuno approfondire le problematiche poste dall’incollaggio di plastica e metallo.

Sfide nell’incollaggio di plastica e metallo

Nell’incollaggio di componenti, la zona di massima attenzione è la superficie (o le superfici) sulla quale verrà applicato l’adesivo.

Plastiche e metalli sono materiali estremamente diversi tra loro ma con una caratteristica comune: la scarsa porosità. Questo li rende difficili dal punto di vista dell’incollaggio poiché si avranno limitate opportunità di penetrazione dell’adesivo all’interno dei materiali.

Oltre a questa caratteristica comune è possibile identificare criticità specifiche per le due tipologie di materiali in analisi e altre ancora nel caso si intenda effettuare la loro unione.

Adesivi Industriali: La Guida Completa  Tipologie, applicazioni, benefici: scopri tutto sulla la tecnologia che sta  rivoluzionando interi settori Scarica l'eBook gratuito

Materiali Metallici

I materiali metallici richiedono attenzione in fase di incollaggio a causa di:

  • Ossidazione o corrosione della superficie: la formazione di uno strato di ossido può inficiare la corretta interazione tra metallo ed adesivo.
  • Olii e lubrificanti che sono spesso utilizzati in fase di lavorazione e utilizzo: possono interferire con l’adesione se non correttamente rimossi.

Materiali Plastici

Le plastiche a loro volta hanno alcune caratteristiche che rendono complesso l’incollaggio:
  • Compatibilità chimico/fisica: esistono moltissimi tipi di plastiche e non tutte le tecnologie adesive sono adatte all’incollaggio di questi materiali (scarsa adesione del substrato).
  • Bassa bagnabilità: la maggior parte delle plastiche a bassa energia superficiale, questo le rende poco bagnabili da parte di molte sostanze; un fluido può, infatti, bagnare efficacemente solo materiali con energie superficiali superiori alla propria.
  • Bassa polarità: esiste un’intera categoria di plastiche apolari, cosiddette plastiche “difficili”, che interagiscono scarsamente con altre sostanze proprio a causa dell’assenza di centri polari in superficie.

L’ampissima varietà di plastiche presenti sul mercato richiede innanzitutto la conoscenza del tipo di polimero che si intende incollare. Solo una volta determinato questo sarà possibile andare a selezionare il corretto adesivo da utilizzare in base alle sue caratteristiche.

Incollare metallo e plastica

Oltre alle attenzioni già citate, nel caso sia necessario incollare plastica e metallo, andranno tenute in considerazione le loro diverse caratteristiche, nel dettaglio:

  • Diverso coefficiente di espansione termica: quando sottoposti a variazioni di temperatura, i materiali polimerici si espandono e si contraggono maggiormente rispetto ai metalli. Questo può portare alla creazione di sforzi aggiuntivi all’interfaccia che un adesivo dovrà sostenere o assorbire grazie alla sua flessibilità.
  • Diverso modulo meccanico: i metalli presentano un modulo di Young maggiore dei polimeri, ossia sono più rigidi. Questo, nel caso di componenti sollecitati meccanicamente, può portare a deformazioni differenziali che l’adesivo dovrà poter assorbire elasticamente o contrastare rigidamente.

Colla per plastica e metallo


Per incollare plastica e metallo è necessario soddisfare tutti i criteri sopracitati. Qui di seguito alcune delle categorie di adesivi che possono prestarsi a questa particolare tipologia di incollaggio:

  • Adesivi / colle epossidiche (divise a loro volta in colle monocomponenti e colle bicomponenti): questi adesivi sono estremamente versatili e possono essere utilizzati su moltissimi tipi differenti di plastiche e metalli offrendo un’ottima resistenza chimica e giunzioni rigide.
  • Adesivi / colle acriliche: questi adesivi garantiscono una presa rapida, una buona resistenza chimica e altissima resistenza meccanica ma richiedono bassi giochi per svolgere al meglio il loro lavoro.
  • Adesivi / colle poliuretaniche: possono riempire ampi giochi e garantiscono una maggiore flessibilità rispetto alle altre opzioni. Questo può essere di aiuto in caso di vibrazioni o sforzi meccanici da dissipare tramite deformazione

Se hai bisogno di un incollaggio che sopporti grandi sforzi meccanici e carichi elevati, ti consigliamo di leggere il nostro approfondimento sugli adesivi strutturali.

carteggiatura auto

Incollare plastica e metallo: trattamenti preliminari

Per poter ottenere tutti i vantaggi di un corretto incollaggio è fondamentale avere le migliori condizioni iniziali possibili. Qui di seguito verranno riportate alcune indicazioni per la preparazione superficiale che è opportuno eseguire per un incollaggio professionale, sicuro e duraturo.

Pretrattamenti di Pulizia

Per prima cosa occorre pulire la superficie. Questo passaggio, sebbene possa apparire banale, è assolutamente fondamentale per ottenere un risultato soddisfacente poiché la presenza di materiali estranei può compromettere il risultato finale. Per evitare problemi è consigliabile:

  • Pulire accuratamente il componente, possibilmente aiutandosi con i prodotti specifici consigliati dal produttore dell’adesivo che si andrà ad utilizzare.
  • Evitare di toccare nuovamente le parti pulite e applicare immediatamente l’adesivo prima che le superfici possano contaminarsi nuovamente.

loctite_sf_ 7063

 

Pretrattamenti Meccanici

È possibile rimuovere meccanicamente uno strato superficiale del componente tramite operazioni di abrasione, carteggiatura o sabbiatura. Questi trattamenti possono avere numerosi vantaggi quali:

  • Facilitare la pulizia della superficie di adesione.
  • Rinnovare le superfici rimuovendo eventuali residui di lavorazione e ossidi nel caso di metalli.
  • Irruvidire le superfici aumentando le possibilità di aggrappo meccanico.

Pretrattamenti Fisici

È anche possibile migliorare l’interazione della superficie dei polimeri più difficili tramite specifici trattamenti fisici:

  • Trattamento corona: scariche elettriche allo stesso tempo irruvidiscono e rendono polare la superficie aumentando i centri attivi di adesione.
  • Trattamento al plasma: le plastiche sottoposte a plasmi possono essere irruvidite e nuovi centri di adesione possono essere creati; tramite l’utilizzo di gas reattivi è anche possibile funzionalizzare la superficie cambiandone le caratteristiche chimiche.
  • Fiammatura: l’esposizione a una fiamma libera permette la formazione di centri attivi (radicali) sulla superficie e aumenta l’energia superficiale migliorando bagnabilità e possibilità di adesione.

Pretrattamenti Chimici

È infine possibile agire sulle superfici applicando specifici prodotti che facciano da ponte tra la superficie e l’adesivo. Questi prodotti si dividono in tre categorie principali:

  • Primer che lavorano in funzione dell’adesivo: sono specifici per l’adesivo utilizzato e agiscono indipendentemente dalla superficie di applicazione.
  • Primer che lavorano in funzione della superficie: sono studiati per agire sulle proprietà della superficie e agiscono indipendentemente dall’adesivo selezionato.
  • Primer che lavorano in sinergia tra adesivo e superficie: sono prodotti che agiscono in funzione sia dell’adesivo selezionato che della superficie trattata.

Nei cataloghi è possibile trovare consigli e indicazioni sui migliori prodotti da abbinare all’adesivo che si è selezionato e alle superfici che si andranno a unire.

Per concludere

In tutti gli incollaggi, ma soprattutto quando si parla di incollare plastica e metallo, non esiste un’unica soluzione adeguata a tutti i casi. Abbiamo visto quanto sia importante considerare le caratteristiche tecniche dei materiali nella selezione dell’adesivo più efficace, così come applicare tutti i pretrattamenti necessari a rendere la superficie idonea all’incollaggio.

Se la scelta tra colle epossidiche, acriliche e poliuretaniche rappresenta già di per sé un’operazione non banale, va poi aggiunto che ciascuna categoria racchiude al suo interno ulteriori tipologie.

Ecco che la complessità si moltiplica e che la consulenza di un esperto può rivelarsi fondamentale: Loctite mette a tua disposizione il know how dei suoi tecnici per aiutarti a individuare la soluzione di incollaggio più adatta.

Scopri le soluzioni LOCTITE® per l’industria

Migliora la produzione e la manutenzione, riduci i costi e i tempi con l’aiuto dei nostri esperti.

Richiedi una consulenza

Tag

News correlate

Adesivi poliuretanici per l'incollaggio strutturale

Adesivi poliuretanici per l'incollaggio strutturale

In numerose applicazioni industriali l’utilizzo di adesivi è una valida alternativa a metodi di...

Leggi tutto

Come incollare l'alluminio? Scopri le colle professionali

Come incollare l'alluminio? Scopri le colle professionali

Quando si parla di unire componenti tra loro esistono svariate possibilità con vantaggi  svantaggi...

Leggi tutto

Colla cianoacrilica o cianoacrilato, tutto ciò che devi sapere

Colla cianoacrilica o cianoacrilato, tutto ciò che devi sapere

La colla cianoacrilica, o cianoacrilato, è una tipologia di adesivo molto comune sia in ambito...

Leggi tutto